Flora


Sempre spettacolare

kappolella

lore2

A 16 anni niente riesce a tenerti dentro casa. Né le corte giornate d’inverno o la voce di tua madre che cerca di richiamarti al dovere. Non ci riescono i contropiede infiniti di Holly e Benji, le cassette di Vasco, i compiti per il giorno dopo.
I pomeriggi con la testa piegata sul tavolo della cucina, quelli alla luce tremolante di una lampadina da 40W del vecchio conio – prima dell’economia dei LED – vivevano sotto la minaccia delle scadenze scandite dalla professoressa Zichittella.

Difficile affermare che fosse amata tra noi studenti. Pretendeva il massimo e per ottenerlo sapeva colpirti con la sua ironia tagliente. Inutile addurre a un mal di pancia, alla morte di un remoto conoscente per giustificare libri rimasti asfissiati negli zainetti. Nessuna possibilità di ripetere una lezione “a pappagallo”. Guai a terminare una qualsiasi composizione con un “concludo dicendo che”. La sua spada non avrebbe perdonato.

View original post 358 altre parole